OBIND

OBIND – ONCOLOGICAL THERAPIES THROUGH BIOLOGICAL INTERACTION NETWORK DISCOVERY

SCENARIO DI RIFERIMENTO
Lo scenario in cui si colloca il progetto è caratterizzato dalla presenza di un’enorme quantità di dati (big data) in campo biomedico, che risultano però di difficile consultazione e manipolazione. Le difficoltà sono collegate alla frammentarietà dei dati fruibili che non consentono al ricercatore di avere una visione d’insieme delle problematiche legate alla patologia di interesse nonché alla scarsa interoperabilità di essi. I dati oggi disponibili si presentano infatti in una varietà di formati diversi, spesso non strutturati (contenenti dati testuali e altri dati non numerici) e sono ricchi di valori mancanti. Sono dati disordinati, a volte contengono incongruenze e rumore.
Questi attributi obbligano i ricercatori a trovare modi creativi per continuare a sostenere la ricerca e lo sviluppo di terapie efficaci. Di conseguenza, c’è un’esigenza emergente per gli analisti e i produttori di big data di strumenti e tecniche informatiche che siano in grado di gestire dati rumorosi e di presentare risultati ai soggetti interessati in modo semplice e facile da interpretare. Risulta pertanto necessario, ai fini della ricerca biomedica, un sistema integrato di informazioni che, attraverso nuovi algoritmi combinati con database opportunamente federati, faciliti i processi di screening.

PROGETTO
Il progetto si propone la realizzazione di un sistema informatizzato in campo oncologico che consenta una rapida ed efficace aggregazione e successiva analisi di data set eterogenei, focalizzata allo studio delle interazioni tra diverse molecole biologiche, che risultano alterate nelle patologie tumorali al fine di creare un disegno razionale nella progettazione di nuove terapie. I data set che si intende aggregare appartengono a due vasti ambiti di ricerca, ovvero la chimica medicinale e la trascrittomica/proteomica. Ad oggi non esiste uno strumento informatico che integri le informazioni disponibili relative a tali discipline, nonostante gli argomenti siano strettamente interlacciati. Un sistema di raccolta e analisi dati così costituito, faciliterebbe la razionale progettazione di terapie altamente specializzate e personalizzate.

 

OBIETTIVO
L’obiettivo principale del progetto è pertanto la creazione di un sistema esperto per la valorizzazione e l’integrazione di dati già in possesso dei partner, di dati provenienti da database di pubblico dominio, e di dati che verranno via via prodotti durante le fasi di progetto attraverso algoritmi di predizione proprietari.

FRUITORI
Fruitori del sistema sviluppato saranno operatori del settore, ricercatori della comunità medico-scientifica, aziende interessate, contributor del settore che hanno fornito i dati raccolti, enti terzi interessati ai dati elaborati, ai risultati e indicazioni raggiunte, etc. I fruitori potranno accedere al repository (dati, risultati ottenuti integrando e processando le informazioni raccolte, suggerimenti per ulteriori raccolte di dati finalizzate ad ottimizzazione delle soluzioni già individuate o all’individuazione di nuove soluzioni), da un punto qualsiasi della rete Internet attraverso moderne webGUI, attraverso le app per smartphone e tablet predisposte nell’ambito del progetto, attraverso interfacce aperte che aprono l’accesso ad altri sistemi.

 

PO FESR Sicilia 2014/2020 – Azione 1.1.5 – PROGETTO N. 086202000366
PARTNER

  • Exprivia S.p.A. – Impresa capofila
  • Università degli Studi di Palermo – Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione Industriale e Digitale (UNIPA-DIID), Dipartimento di Scienze Economiche Aziendali e Statistiche (UNIPA-DSEAS), Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche (UNIPA-STEBICEF), Centro ATeN
  • Fondazione Ri.MED
  • QWINCE Innovation (past Securproject.it) S.R.L. – SOCIETA’ A RESPONSABILITA’ LIMITATA
  • OS2 S.R.L. – SOCIETA’ A RESPONSABILITA’ LIMITATA
  • 2038 Innovation Company
  • IRIB-CNR Istituto Per La Ricerca e l’Innovazione Biomedica past IBIM/CNR: Istituto di Biomedicina ed Immunologia Molecolare A. Monroy.

 

 

Share it